Bent - Caleido

Mentre in matematica, lo spazio sintetizza diversi concetti come, ad esempio, lo spazio fisico, in architettura non è altro che l’equilibrio dei pieni e dei vuoti, delle sporgenze e delle rientranze. È la creazione di percezioni e di particolari, l'uso di strutture, materiali e colori.

 

 

Il concetto di spazio architettonico, come qualsiasi cosa, è soggetto a cambiamenti.

Sigfred Giedion, studioso di storia dell’architettura, ha sintetizzato la concezione del termine durante le epoche, in 3 categorie:

           • Nell’architettura greca, assistiamo ad una manifestazione flessibile e scultorea: il Tempio;
           • Nell’architettura romana, l’emblema è la Domus, lo spazio, quindi, viene inteso come luogo chiuso e definito;
           • Nell’architettura moderna, invece, lo spazio è delimitato e al contempo aperto verso l’esterno.

Possiamo notare come, durante gli anni, da una definizione quasi ermetica, si sia sviluppata la ricerca di uno spazio in senso lato: ampio e sconfinato al tempo stesso. Il design viene quindi influenzato dall’ideazione di elementi che, seppur delimitati sono in grado di comunicare il concetto ossimorico.

 

 

Nell’arte, si ritrova spesso questa riduzione alle strutture geometriche elementari, concetto alla base del minimalismo; primi fra tutti gli ambienti del Fontana e le tele di Reinhardt.

 

 
Anche il design viene influenzato, basti pensare a Bent di Caleido: grazie alla conservazione delle sue forme pure, diventa ambasciatore di un ambiente minimalista, la ricerca della perfezione intesa come la perfetta unione fra estetica e funzionalità.

All’interno di un’esposizione, come all’interno di una stanza bagno, l’ottimizzazione dello spazio e il fulcro dell’attenzione verso un particolare permettono di esaltare la bellezza dell’ambiente nella sua totalità.

 

 

L’utilizzo di colori neutri e forme geometriche semplici e precise nel design di Bent, generano un gioco di luci, ombre e curve in continuo mutamento, le quali, permettono all’osservatore di percepire la tridimensionalità del termoarredo.
Grazie a questo radiatore, è possibile arredare con linee essenziali e armoniche in un avvolgente abbraccio di calore.
La piastra curvata in alluminio verniciato, è posizionabile in orizzontale o in verticale.
Disponibile per gli ambienti della casa nella versione idraulica, mista o elettrica.

 

Pubblicato in Selezioni d'artista Da

Stip